Io sono Shingo [Completo] found

Manga non del team hasta in direct download {Naruto,Bleach,HunterXHunter...}

Moderatori: Vice-Capo, Senior-Member, Capo, Leggende, Membri

Rispondi
Avatar utente
jenatungurictis
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 215
Iscritto il: 08 mar 2022, 01:19

Io sono Shingo
(Watashi wa Shingo)
di Kazuo Umezu



Immagine


Titolo originale: Watashi wa Shingo
Titolo inglese: My Name is Shingo
Nazionalità: Giappone
Casa Editrice: Shōgakukan (Big Comic Spirits)
Storia e disegni: Kazuo Umezu
Categoria: Seinen, Pubblico Adulto
Genere: Fantascienza, Psicologico
Anno: 1982-1986
Volumi: 10
Capitoli: 114
Edizione Italia: Star Comics (Umezz Collectionn) Ottobre 2019/Agosto 2020 (7 volumi)


Io sono Shingo (Watashi wa Shingo) è una serie manga sci-fi ideata e realizzata dal sensei Kazuo Umezu (conosciuto anche come Kazuo Umezz) (Aula alla deriva, Mushitachi no Ie, Onihime, Kami no Hidarite, Akuma no Migite). L'uscita del manga è avvenuta sulle pagine del magazine Big Comic Spirits del gruppo editoriale Shōgakukan dal 30 aprile 1982 al 1 settembre 1986, l'editore ha suddiviso i capitoli in dieci volumi tankōbon editi da dicembre 1983 a settembre 1986. La licenza per la pubblicazione in Italia è stata acquisita da Star Comics che ha pubblicato l'opera in sette volumi da oltre 300 pagine nella collana Umezz Collectionn da ottobre 2019 ad agosto 2020.
MyAnimeList

Nel manga Io sono Shingo, ambientato in una Tokyo desolata dove ogni cosa appare duplice e ingannevole, Kazuo Umezu immagina l’infanzia e l’intelligenza artificiale come entità pure e in un certo senso aliene, perché radicalmente incompatibili con un mondo adulto composto da persone inaffidabili, corrotte o malvagie. Il protagonista della serie è un robot industriale dall’aspetto di un grande braccio meccanico computerizzato, distante anni luce dall’immaginario convenzionale del robot umanoide. Il suo “risveglio” – cioè la sua presa di coscienza – è narrato in parallelo alla storia d’amore tra due bambini, Satoru e Marin, che si incontrano durante una visita scolastica nella fabbrica in cui il robot è impiegato. Dopo la visita, Satoru e Marin prendono l’abitudine di visitare clandestinamente l’edificio, e man mano imparano a dare istruzioni al robot mediante l’interfaccia di un computer. La loro frequentazione diviene però sempre più difficile per via degli ostacoli posti dalle rispettive famiglie, e poi della partenza di Marin per l’Inghilterra. Riconoscendo nei due bambini i suoi genitori, il robot cercherà allora in tutti i modi di rimetterli in contatto, fuggirà dalla fabbrica e fronteggerà una serie di avversità sempre più estreme. La peculiarità di Io sono Shingo consiste nell’ambientare una storia d’amore in uno scenario da incubo, con una coincidenza quasi perfetta e disturbante di utopia e distopia, dove però il secondo versante tende a prevalere. Il senso di abbandono e claustrofobia che in Aula alla deriva si respira tra i corridoi della scuola e nelle lande desertiche del futuro si estende qui all’intera superficie della Terra, e le possibilità di riscatto, in assenza di uno scarto temporale da cui fuggire, paiono perfino più ridotte.
Fumettologica

Spoiler:

Credits
found
Rispondi

Torna a “Manga Scan - Altri Team”